Social media: scopri perché è importante il piano editoriale

Gestire in maniera strategica i social network significa dotarsi di un piano editoriale coerente, dettagliato ed efficace, in grado di incidere sulla reputazione del brand e di contribuire ad aumentare le vendite. Il piano editoriale è uno strumento caratterizzato da più aspetti e finalizzato a generare coinvolgimento e traffico, partendo dallo studio del comportamento del target della tua azienda, insieme con le analisi inerenti i contenuti che generano maggior coinvolgimento. 

Il piano editoriale quindi serve in prima battuta per porre le fondamenta di tutta la strategia sui social media e dei contenuti di marketing digitale, integrando scelta dei contenuti e pianificazione temporale su social, blog e sito aziendale. Dopo una fase iniziale di messa alla prova del piano e analisi dei risultati, si potrà procedere a un’eventuale ridefinizione della strategia. 

Quali sono gli obiettivi di partenza di un buon piano editoriale?

  • Aumentare l’engagement;
  • Veicolare traffico verso il sito internet aziendale;
  • Fidelizzare utenti e follower;
  • Sviluppare iniziative per la lead generation. 

I social media sono chiaramente il cuore di questo strumento, perché oggi rappresentano il punto nel quale entrano in contatto, praticamente senza intermediazioni, l’azienda e i potenziali clienti. 

1. Il primo step: analisi e individuazione degli strumenti

Il primo passo per sviluppare un buon piano editoriale è quello di definire alcuni punti fermi, che influenzeranno la strategia nell’insieme:

  • Obiettivi dell’azienda;
  • Analisi dei competitor;
  • Analisi delle caratteristiche dei prodotti o dei servizi da promuovere;
  • Individuazione dei canali social più in linea con le esigenze aziendali; 
  • Caratteristiche del target da intercettare;
  • Tono di voce da adottare nella comunicazione;
  • Definizione dei contenuti. 

 

2. La creazione dei contenuti

Nella fase di definizione e stesura dei contenuti destinati ad alimentare il piano editoriale, bisogna tenere presente alcuni punti fermi. Anzitutto, rimane fondamentale partire dalla consapevolezza di tutte le caratteristiche più importanti dei prodotti o dei servizi che stiamo promuovendo. Inoltre, va considerato sempre che immagini e video sono in grado di generare un coinvolgimento molto più alto rispetto a quello di un semplice testo. La qualità dei contenuti deve essere sempre impeccabile e in linea con le scelte strategiche, anche in considerazione del fatto che, in rete, la competizione è altissima, e farsi notare diventa sempre più difficile. Per tenere sempre alta l’attenzione del tuo pubblico, è importante anche alternare i diversi format di contenuto, per destare l’effetto sorpresa e novità a ogni post: immagini, testi, video, infografiche, gif, collage di foto, link agli articoli del blog etc. C’è solo l’imbarazzo della scelta, l’importante è dosare bene questo mix di contenuti per dare al piano editoriale la giusta versatilità. 

 

3. Il timing per la pubblicazione

Il terzo step è quello della definizione del calendario delle uscite. Giorni, orari e frequenza delle pubblicazioni vanno selezionati con estrema cura, anche aiutandosi con gli strumenti di analisi che i social media mettono a disposizione. Grazie ai dati, infatti, è possibile ottenere tutte le informazioni sui comportamenti del pubblico che segue i canali aziendali, scoprendo orari e contenuti con il maggior engagement. 

 

Tempo di lettura: 4 minuti 

 

Author: Redazione

Share This Post On
468 ad