Video: 4 suggerimenti per creare contenuti coinvolgenti

Se le foto sembrano ormai il passato prossimo dei social media, stiamo senza dubbio vivendo l’era del dominio dei contenuti video. In base ai dati diffusi dal Digital Marketing Institute, ogni giorno su YouTube vengono “consumati” ben 5 miliardi di video, mentre le condivisioni social dei contenuti video sono il 1200% in più rispetto ai testi e alle immagini combinate. I video sulle landing page aumentano le conversioni dell’80%, mentre l’80% degli utenti ricorda un annuncio video che ha visto online nell’ultimo mese.

Creare contenuti video accattivanti, interessanti, divertenti è oggi la principale sfida dei social media marketer e dei brand che hanno una presenza online. I video sono entrati a far parte in maniera prepotente dei nostri social feed e, al momento, nulla sembra mettere in discussione la loro centralità. Quindi come creare video accattivanti, in grado di avvicinare sempre più pubblico, favorendo l’interazione e la connessione?  Bando alla didattica, a tempi troppo lunghi, alla mancanza di ritmo. Un video deve saper coinvolgere, divertire e far scattare l’interazione. Ecco qualche consiglio utile per far “volare” i tuoi contenuti multimediali.

1. Conosci bene il tuo pubblico?

Prima di impostare la strategia marketing relativa alla produzione video, dovresti chiederti quanto conosci il tuo pubblico e le domande alle quali dare una risposta, in base ai loro interessi. Alcuni segnali relativi al coinvolgimento del pubblico possono aiutare a impostare correttamente la strategia, come per esempio il tasso di fidelizzazione. Tuttavia, a volte, il modo migliore per scoprire cosa vuole davvero chi ti segue è semplicemente chiedere! Puoi per esempio creare una un sondaggio all’interno del video oppure postare una richiesta di feedback diretto. Infine, è utile anche consultare i temi di tendenza su Twitter o i gruppi Facebook dedicati agli argomenti di tuo interesse. Non ti resta che aspettare e vedere!

2. Fa’ in modo che restino incollati al video!

Il 45% delle persone su scala globale guarda contenuti video online per più di un’ora al giorno. La visualizzazione media di YouTube da mobile è di oltre 40 minuti in media. Quindi cosa ideare per far sì che i tuoi utenti non saltino il tuo contenuto per guardare i video della concorrenza? Per creare video accattivanti, devi saper attirare gli spettatori fin dai primi momenti. In altre parole gli utenti vorranno sapere subito cosa “guadagneranno” dal guardare il tuo video fino alla fine. Diventa quindi importante spiegare in maniera chiara e semplice tutti i benefici che lo spettatore trarrà dal consultare il video. Punta su energia, eccitazione, dinamismo, per coinvolgere e fidelizzare. Il ritmo è la chiave. 

3. Storytelling? Sì, grazie!

Se racconti al tuo pubblico una bella storia, non scapperanno a sbirciare i video dei competitor. L’utilizzo sapiente dello storytelling nel campo del marketing è scientificamente provato: aiuta il pubblico a preservare le informazioni che stai trasmettendo, lasciando in loro un impatto importante, anche a livello emotivo. Una storia ben raccontata genera emozioni che, a loro volta, aiutano il cervello a rilasciare dopamina, un ormone che rende più facile ricordare in maniera precisa un evento o un’informazione. Come utilizzare questa importante arma nei tuoi video? Se conosci bene il tuo pubblico, saprai indirizzare i contenuti video verso gli elementi nei quali i tuoi utenti potranno facilmente  riconoscersi. Autenticità, freschezza e unicità ti permetteranno di connetterti a livello emotivo con i tuoi follower, su un terreno più personale. Questo aspetto contribuirà a saldare un vero e proprio legame emotivo con il tuo marchio. 

4. Video mobile friendly e realizzati in ottica SEO

I tuoi video mirano a diventare sempre più condivisi e virali. Per raggiungere questo difficile obiettivo ti servono due armi. La prima è la realizzazione di contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili. Secondo YouTube, la percentuale di utenti che utilizza dispositivi mobili per visualizzare contenuti video cresce del 100% ogni anno. Per questo, i video devono poter essere scaricati e riprodotti su tutti i tablet e gli smartphone. Altro aspetto da non trascurare è l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Accompagna sempre la pubblicazione dei video a una descrizione ben scritta, con i tag di parole chiave pertinenti per aiutare a migliorare il posizionamento in ottica SEO. 

 

Tempo di lettura: 4 minuti

Author: Redazione

Share This Post On
468 ad