Le 4 caratteristiche di un social media manager di successo

Una posizione un tempo trascurata e quasi ignorata dalle aziende è oggi indispensabile per crescere e conquistare il mercato: il social media manager. Questa figura rappresenta oggi uno dei ruoli più strategici ed essenziali nell’area marketing. 

Secondo l’edizione 2020 del Rapporto Desi, nel 2019, in Italia, solo il 42% delle persone di età compresa tra i 16 e i 74 anni possiede almeno competenze digitali di base (58% nell’UE) e solo il 22% dispone di competenze digitali superiori a quelle di base (33% nell’UE). Le imprese che vogliono vincere la sfida del futuro avranno sempre più bisogno di risorse qualificate. In particolare nel Mezzogiorno: in base ai dati del Sistema Informativo Excelsior, nei prossimi anni il fabbisogno di operatori dei servizi dei media e della comunicazione si attesterà tra le 4300 e 6200 unità.

La corretta gestione della presenza sulle nuove piattaforme di comunicazione delle attività di business delle aziende dipende quindi dalla figura del social media manager, il tramite attraverso il quale l’impresa racconta se stessa sui nuovi media. Ma non solo. Un buon social media manager deve essere in grado di portare valore aggiunto a tutta la strategia di marketing e comunicazione. Per farlo, è importante che abbia queste 4 caratteristiche. 

#1 Creatività 

Non è necessario essere un genio, l’importante è che il social media manager sia in grado di scovare sempre nuove opportunità e agire su di esse al di fuori delle tradizionali “regole” del marketing. La creatività non è necessariamente un dono: molti studi, infatti, evidenziano che si tratta di un’abilità che le persone possono sviluppare e rafforzare, oppure trascurare e indebolire. Un approccio creativo ai social media può aiutare la tua azienda a creare contenuti in grado di distinguersi dalla massa e dall’offerta ridondante, con un impatto positivo sui risultati.

#2 Una buona scrittura

Copywriting, croce e delizia di ogni social media manager! Sì, perché più efficace è il testo di ogni post o tweet, più facile risulterà alla fine individuare il pubblico giusto al quale far conoscere la tua azienda. La capacità di scrivere copy accattivanti ed efficaci è quindi senza dubbio una delle skill più importanti per una corretta gestione dei social media. Un buon copy infatti attira le persone a leggere, rimanere sul post, fare clic per scoprire di più sulla lading page o sul sito web, ed entrare in contatto con la realtà aziendale. Ammettiamolo, oggi i contenuti social sono una marea che rischia di travolgere gli utenti. Le distrazioni sono tante e tenere alta l’attenzione di un lettore è una missione quasi impossibile. Molte analisi rivelano la maggiore efficacia di testi brevi, rispetto a post più lunghi: su Facebook, in media, i post che si limitano a circa 40 caratteri hanno un livello di engagement superiore dell’86% rispetto a testi più lunghi. Diventa perciò fondamentale ridurre il messaggio al minimo indispensabile, senza sprecare nemmeno una parola!

#3 Competenze di grafica e design

No, un social media manager non è un grafico, chiariamolo subito! Però è fondamentale che, tra le sue competenze, abbia una buona comprensione del design e la capacità di creare contenuti visivi accattivanti e professionali, in modo da poter gestire campagne efficaci e coinvolgenti. I contenuti veicolati con l’integrazione di molte immagini ben realizzate, infatti, superano di gran lunga, nell’engagement, quelli che invece puntano maggiormente sul testo. Le immagini e soprattutto i video fanno in modo che i tuoi contenuti sui social possano rimanere impressi e addirittura salvati e conservati, a differenza di un semplice testo. Secondo Brain Rules, le persone tendono a ricordare il 65% del contenuto di un messaggio, quando è associato a un’immagine, contro il 10% di un contenuto che ne è privo. Per lo stesso motivo, quindi, anche saper editare un video rientra tra le competenze più appetibili di un social media manager.  

#4 Capacità di lettura e analisi degli analytics

Nel mondo dei social media, tutto è misurabile grazie agli strumenti di analisi dei dati. Ecco perché, per portare la tua campagna promozionale a un livello di efficacia sempre maggiore, è fondamentale che il social media manager sia in grado di padroneggiare i principali strumenti di analisi forniti dalle diverse piattaforme, come gli analytics di Facebook, Twitter, Instagram, YouTube. Sono fondamentalmente due le capacità di analisi richieste a un buon social media manager. La prima attiene all’analisi e valutazione dei dati dei social media (like, condivisioni, retweet etc.). La seconda riguarda l’analisi delle metriche di conversione, che vanno dalle statistiche relative al tempo trascorso sul sito e la frequenza di rimbalzo, alle metriche più in ottica business, come lead e conversioni.

 

Tempo di lettura: 4 minuti

Author: ernesto quintiliani

Share This Post On